FAQ - Domande Frequenti sul Cammino di Oropa

E' necessario prenotare le strutture di accoglienza?
Si, è meglio prenotare con un certo anticipo, i posti letto non sono molti e il cammino è sempre più frequentato. Se  alcune strutture dovessero essere al completo, probabilmente basterà spostare di un giorno la data di partenza per trovare posto.

Bisogna avere per forza la credenziale ufficiale del Cammino?
Solo la credenziale ufficiale dà diritto ai prezzi speciali nelle strutture di accoglienza, e a ricevere il "Testimonium" alla fine del cammino. Chiunque può percorrere l'itinerario senza la credenziale, alle stesse tariffe riservate ai turisti.

Dove posso procurarmi la credenziale?
La credenziale può essere richiesta  all'Associazione degli Amici della Via Francigena di Santhià, previo appuntamento chiamando il 3664404253, o alla Casa del Movimento Lento di Roppolo, che potete contattare al 3357979550 o scrivendo una mail a casa@movimentolento.it. La credenziale distribuita a Roppolo è già timbrata dall'ostello di Santhià.

Il cammino è provvisto di segnaletica?
Si, è completamente segnato, ma è sempre meglio avere con se una mappa escursionistica della zona e/o la App PimonteWays, poichè in alcuni bivi la segnaletica adesiva potrebbe risultare poco visibile a causa della vegetazione o essere danneggiata, e in ogni caso potreste sbagliare strada per distrazione o altri motivi.

E' possibile percorrere il cammino in bicicletta?
Si, il percorso in bicicletta è completamente segnato, ed è disponibile qui. 

Il cammino è accessibile per persone in carrozzina?
Il percorso pedonale del Cammino di Oropa purtroppo non è accessibile con carrozzine, il fondo spesso è sconnesso, in parte su sentiero, ci sono vari tratti con pendenze elevate vari ostacoli.
Il percorso ciclabile si svolge in gran parte su asfalto o su sterrati poco impegnativi, e in genere è accessibile con una carrozzina fuoristrada ma solo se dotata di trazione elettrica. Non abbiamo mai fatto un vero e proprio collaudo, quindi sarebbero opportuni dei sopralluoghi sui tratti più critici. Il principale problema sono le pendenze elevate di alcuni tratti, che possono raggiungere il 12% su fondo asfaltato.
I posti tappa di Magnano (Locanda del Borgo Antico) e la Foresteria del Santuario di Graglia dispongono di camere accessibili. A Magnano il bagno è accessibile ma non è provvisto di una doccia ma di una vasca da bagno. A Roppolo non ci sono strutture accessibili, ne stiamo cercando una a Viverone.

Il cammino è accessibile per persone cieche o ipovedenti?
L'itinerario è stato studiato con una particolare attenzione per le persone con disabilità visiva. Nonci sono tratti su strade trafficate, abbiamo privilegiato carrarecce e strade che consentano a due persone di camminare appaiate, e abbiamo cercato di evitare tratti esposti, o con sassi e radici che rendessero difficoltoso il cammino. Nell'ultima tappa consigliamo comunque di percorrere la variante della tramvia. 

Il cammino può essere percorso da donne sole?
Il Cammino può tranquillamente essere percorso anche da una donna sola, le zone che si attraversano sono molto tranquille e ci si trova sempre in prossimità di un paese. Il cammino durante la bella stagione è abbastanza frequentato. La copertura telefonica è abbastanza buona. 

Il cammino può essere percorso con un cane?
Si, se si pernotta in camere private. In ogni tappa una o più strutture di accoglienza sono dog friendly, le tappe sono brevi e per la maggior parte del percorso si cammina all'ombra su fondo sterrato. Se i cani sono educati ed obbiedienti è possibile lasciarli liberi per lunghi tratti. 

Il cammino può essere percorso con i bambini?
In genere i bambini sopra i 10 anni se sono abituati a fare lunghe camminate non hanno particolari problemi. Se sono al primo cammino a tappe vi consigliamo di porvare con le prime due tappe, meno impegnative. 

Dove si può lasciare l'auto a Santhià?
L'autorimessa Belotti, vicino alla stazione di Santhià, riserva un prezzo speciale ai pellegrini di 7 Euro/giorno per un parcheggio al coperto, tel. 0161 94335. Altrimenti vicino alla stazione ci sono vari parcheggi pubblici gratuiti in cui in genere non ci sono problemi a lasciare l'auto per pochi giorni. Ad esempio potete parcheggiare in Via Tagliamento, dove gran parte dei parcheggi non richiedono disco orario, oppure nel parcheggio vicino alla Coop di Via Ferraris. 

Come si può ritornare da Oropa a Santhià?
E' possibile prendere il bus 360, che collega Oropa alla stazione di Biella San Paolo in genere ogni 2-3 ore (per gli orari chiedete al ricevimento del Santuario di Oropa). Dalla stazione si può tornare a Santhià in treno (collegamenti frequenti, ogni 1-2 ore), o raggiungere Novara e da qui proseguire per Milano. In alternativa è possibile noleggiare una e-bike e percorrere l'itinerario ciclabile (per informazioni scrivi a oropa@movimentolento.it). 

E' possibile percorrere il cammino durante l'autunno e l'inverno? 
Il cammino Santhià-Oropa è percorribile in 4 tappe da Pasqua a fine ottobre, periodo di apertura dei campeggi di Torrazzo e Sala Biellese. Negli altri periodi è percorribile in 3 tappe, pernottando a Magnano e Graglia, dove le strutture di accoglienza sono aperte per tutto l'anno. Se ha nevicato sotto i 1000 m può essere problematico raggiungere il Santuario di Oropa, vi consigliamo di chiamare il ricevimento del Santuario prima della partenza per chiedere se c'è neve, e di consultare le previsioni del tempo durante il viaggio. In ogni caso nei mesi più freddi consigliamo di percorrere la variante della tramvia, perché sul sentiero D1 potrebbero esserci problemi legati al ghiaccio sul sentiero e in corrispondenza dei guadi.